Rosa ma non solo - cai savigliano

Sab 15 Dom 16 luglio Gita alpinistica alla Tete de Valpelline - Dom 6 Lun 7 agosto Rifugio Gonella – Val Veny
Privacy Policy

 CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI SAVIGLIANO1946 - 2017 71 ANNI DI CAI 

Vai ai contenuti

Menu principale:

Rosa ma non solo

GRUPPO "ROSA MA NON SOLO"
Giunto al settimo anno di attività, il Gruppo vede una sempre crescente partecipazione alle
diverse iniziative. Le proposte sono varie e spaziano dalle ciaspolate alle gite al mare,
dalle camminate in pianura e collina a escursioni leggermente più impegnative
(anche se sempre poco faticose) rivolte, come consuetudine, non solo alle donne, ma anche
alla rappresentanza maschile, secondo l’otticadelle “Pari Opportunità”.

   
Il programma potrà subire variazioni di data o di meta legate alle condizioni meteo o a esigenze organizzative. Le escursioni si svolgeranno il mercoledì e, in caso di rinvio, si recupererà il mercoledì successivo  o il giorno seguente, giovedì. Le iscrizioni dovranno pervenire in sede in orario di apertura o direttamente alla referente  (sempre in sede quando necessario il versamento di un acconto). Referente: Franca Fissore (tel.3335220108
8 febbraio: ciaspolata ai soffioni di Gaiola.

Gita con o senza ciastre anello in bassa valle Stura alla ricerca dei soffioni di vapore caldo. Caratteristiche dell’escursione: Il percorso si effettua prevalentemente su sterrata, salvo alcuni brevi tratti di asfalto e di sentiero. Si parte da Gaiola e, durante la salita, con breve digressione, sarà possibile visitare la quattrocentesca cappella di San Bernardo. Meta sono tuttavia i soffioni, cavità da cui fuoriescono vapori caldi, visibili in presenza di neve, percepibili solo come calore in assenza di questa. Dislivello m. 350 circa. Difficoltà E

15 marzo: sentiero del Maira da Cavallermaggiore a Racconigi.
Continua l’esplorazione del nostro territorio con il sentiero del Maira che collega Cavallermaggiore, Cavallerleone Racconigi.
Caratteristiche dell’escursione: Il percorso completamente pianeggiante si svolge prevalentemente su carrareccia e sentiero, ma lo stato di abbandono in cui si trovano certi tratti del sentiero originario costringe a un cammino meno agevole ai margini di campi coltivati. Difficoltà T/E

29 marzo: Ciaspolata in alta valle Varaita di Bellino da borgata chiesa al rifugio Melezé con osservazione delle stelle dall’osservatorio di Chiazale (pullman).
Occasione unica di visitare le borgate della valle di Bellino con le caratteristiche meridiane e osservare il cielo con la guida di un accompagnatore esperto.
Caratteristiche dell’escursione: Si tratta di un percorso non impegnativo, che si può effettuare anche in assenza di neve, sui sentieri che collegano le borgate. La camminata si svolgerà nel pomeriggio e, dopo una cenetta presso il rifugio Melezé, il pullman raggiungerà Chiazale e il suo osservatorio astronomico. Difficoltà E


19 aprile: Ascensione al monte Musiné.
Il Musinè (m.1150) è il rilievo più orientale della cresta spartiacque che separa il bacino della Dora Riparia da quello della Stura di Lanzo. Montagna dal fascino esoterico, famosa per leggende, misteri e avvistamenti di Ufo. Caratteristiche dell’escursione: La camminata inizia dal campo sportivo di Casellette (m. 380) su una stradina acciottolata fiancheggiata da piloni votivi della Via Crucis che conduce al santuario di Sant’Abaco. Prosegue su sentiero, a tratti ripido, fino alla vetta. Dislivello m. 745. Difficoltà E

3 maggio: Anello di Paraloup in bassa valle Stura con ascensione all’alpe di Rittana.
Da Chiot Rosa si sale a Croce di Rocca Stella e, con breve deviazione, all’Alpe di Rittana per scendere successivamente alla mitica borgata partigiana di Paraloup, descritta nei libri di Nuto Revelli. Caratteristiche dell’escursione: La camminata, priva di difficoltà, si svolge in parte su strada sterrata e asfaltata, in parte su sentiero, a tratti ripido. Si sale tra boschi di faggi e betulle fino al pilone Estella con vista sulla valle Grana. Ormai fuori dal bosco si raggiunge un pascolo puntando verso la cresta che conduce all’Alpe (m.1796) con vista a trecentosessanta gradi sulla pianura cuneese e sull’arco delle Alpi Liguri, Marittime e Cozie. Dislivello: m.650 circa. Difficoltà E
24 maggio: Colle Cervetto, da Meire Ruà sopra Becetto in valle Varaita.
Piacevole camminata molto panoramica, con splendide viste sul Monviso e sulle alte valli Po e Varaita. Caratteristiche dell’escursione: Il sentiero inizia a 1536 metri su una carrareccia, ne taglia un tornante inoltrandosi nel bosco, poi riprende la carrareccia che presto esce dal bosco trasformandosi in sentiero a quota 1900 metri circa. Superato il pian Ciattiva, si lascia a sinistra il sentiero per la Cappella della Madonna Alpina e si arriva a pian Geuccia, dove c'è un'ottima fontana. Da qui con alcuni tornanti si raggiunge il Colle di Cervetto (2251 m) con vista sulla parete Sud del Monviso. Dislivello m.720. Difficoltà E.

28 giugno: lago di Louzaniers e Pas de la Cavale (pullman) nel vallone de l’Ubayette nel parco del Mercantour.
Itinerario lungo,ma con pochissimo dislivello nella prima parte tra splendidi scenari e presenza di numerose marmotte quasi domestiche. Caratteristiche dell’escursione: Percorso inizialmente pianeggiante su ottimo sentiero, sale successivamente al lac du Lauzanier; quindi al lac Derrière La Croix per raggiungere il Pas de la Cavale che si affaccia sul vallone de la Tinée. Dislivello m. 790 circa. Difficoltà E.
24-25-26 luglio: trekking nel Parco d’Avic, in val d’Aosta.
Trekking dei mille laghi (forse qualcuno in meno) nello splendido ambiente del vallone di Champorcher, con accompagnamento di una guida naturalistica.. Caratteristiche dell’escursione: il trekking si svolge su sentiero con partenza dal parcheggio a monte di Chardonnay. Pernottamenti al rifugio Miserin,già ospizio per i pellegrini del Santuario della Madonna delle Nevi, a m.2582 sulla riva del lago omonimo e al rifugio Barbustel al Lac Blanc situato a m. 2200 vicino ai laghi Blanc, Noir, Cornu e Vallette. Dal rifugio si può godere di uno splendido panorama sul Mont Avic e sul settore delle Alpi Pennine compreso tra il monte Rosa, il Cervino e la Dent d’Herin. Trekking di un certo impegno per dislivello e lunghezza, ma ricco di fascino. Difficoltà E.

6 settembre: Punta Razil, avancima di Punta Ostanetta in valle Po.
Escursione priva di difficoltà con panorama d’eccezione. Caratteristiche dell’escursione: La camminata ha inizio dalle Meire Durandini (m. 1637) per salire al colle Bernardo (m. 2245) e, successivamente a punta de Razil (m. 2370) sempre su sentiero. Possibile sul percorso osservare una grande croce celtica realizzata con delle pietre e orientata verso il Monviso. Dislivello m. 735. Difficoltà E.


11 ottobre: Giro delle borgate di Borgio Verezzi (pullman)
L’escursione inizia con la visita al Centro Storico di Finalborgo per risalire al crinale che divide il Finalese dal territorio di Borgio, continuare con la visita delle borgate e concludersi con la discesa all’abitato di Borgio. Caratteristiche dell’escursione: L’ambiente in cui si svolge è molto vario, spaziando tra macchia mediterranea, boschi di lecci e carpini,orti e coltivi, ampi squarci sulla costa da Borgio a Loano e Albenga e sull’entroterra finalese. Rende interessante l’escursione la presenza di chiese e borghi caratterizzati da un’architettura tipicamente mediterranea (cosiddetta “saracena”), semplice e modesta, ma straordinariamente affascinante, all’interno di un ambiente rimasto integro e rispettoso della sua storia e dei suoi valori. Motivo in più d’interesse la visita di un’antica cava, ricca di storia, di suggestioni e di reperti fossili. Come è ormai tradizione, la gita si concluderà con una “marenda sinoira” Dislivello: m. 350. Difficoltà E
    
CAI SAVIGLIANO via Pylos 29d - tel 0172/33472
Torna ai contenuti | Torna al menu