BIVACCO BERTOGLIO

Bivacco Pietro Bertoglio

m. 2770 - Vallone delle Giargiatte.
                                             

Località di partenza: Pontechianale, frazione

Castello m 1603.
Dislivello m. 1167
Tempo di salita: 3h 30'.
Cartografia: IGM f 79, tav Casteldelfino e
colle di Cervetto,  IGM 1:50.000 Monviso.
Posti letto con coperte: 8
Segnavia: EPT U 9, U 10 GTA.
Acqua : laghi.
cartina     

C.A.I.   Savigliano 0172/33472
Per il bivacco Bertoglio

Utilizzando l'itinerario del vallone di Vallanta, ci si porta dalla borgata Castello di Pontechianale (m 1603) al bivio che precede le gr. Gheit (m 1912 - ore 1).Abbandonata la mulattiera per il rif. Gagliardone si scende a valicare il rio (segnavia <U.1O e GTA) e, aggirati i casolari semi diroccati delle grange, si entra nel gran bosco dell'Alevè. Il sentiero sale dapprima verso sinistra, poi volge a destra e con lungo tratto pianeggiante si porta nei  pressi del rio delle Giargiatte che si raggiunge in una suggestiva radura dopo breve salita (ore 0,30 dalle gr. Gheit sorgente al limite sup. della radura, vicino al rio). Verso Sud, tra le fronde dei cembri, si può ammirare l'elegante cuspide del Pelvo d'Flva.

  Lasciando a destra la sorgente il sentiero Si eleva nel bosco con tornanti, guadagnando in una decina di minuti un altro bel ripiano erboso: il Pian Meyer (m 2126). II vallone sembra sbarrato al centro da un grande salto roccioso che Il sentiero aggira sulla sinistra elevandosi con comodi tornanti(alle prime risvolte una sorgente sgorga ai piedi di un grande masso). Compaiono le prime lingue pietrose e mentre il cembro si dirada lasciando il posto al larice, gradatamente si amplia il selvaggio bellissimo vallone delle Giargiatte che si presenta racchiuso dalla Rocca Iarea (m 2756 - a destra), la punta Malta (m 2995 - al centro) e la Costa les Alpiols, ultima propaggine delle Rocce Meano (m 3039 - a sinistra). Il sentiero guadagna la conca erbosa del gias Fons (gias Funs - m 2365 - ore 0,30 dal Pian Meyer) col caratteristico isolato masso roccioso (sorgente nei pressi), quindi serpeggiando nelle pietraie e tagliando poi sulla sinistra sassosi pendii ai piedi di rossastre paretine, raggiunge in mezz'ora il bordo della conca superiore (m 2500 c. - ore 2,45 da Ca-stello): si manifesta ora sulla destra Ia dentellata Costa Ale Lunghe, col suoi torrioni e guglie, separata dalla Rocca Iarea dal vasto pietroso Passo del Ranco (m 2668).

  Con tortuoso percorso il sentiero si appoggia sulla sinistra ed affronta con erte serpentine un'angusta gola rocciosa, chiusa tra aspre paretine, per affacciarsi alla vasta conca terminale che contiene i laghi: il lago del Prete (m 2706 sulla sinistra, non visibile dal sentiero), il lago Bertin ( m.2701) ed il lago Lungo, di poco più elevato. Numerosi altri minori specchi d'acqua riflettono le rocciose pendici delle Rocce Meano e delle P.te Michelis e Trento.

  Poco prima di raggiungere il lago Bertin, sul terreno è segnalato il bivio per il bivacco Pietro Bertoglio, edificato a quota m 2764 sulla balza rocciosa che nasconde il lago del Prete, nel punto ove sorgeva il diroccato ricovero del Baraccone. II bivacco dispone di 9 posti letto, bivacco sempre aperto.